Fandom

Claymore Italia Wiki

Cinzia

1 031pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi
Cinzia

Cinzia arte volume 26.png

Profilo di Cinzia Cap 60.png

Cinzia ep 18.png

Cynthia al nord.jpg

Nome Cinzia
Kanji

シンシア

Statistiche
Genere Femmina
Simbolo Cinzia simbolo.png
Rango

Numero 14

Tipo

Difensivo

Tecniche

Sincronizzazione dello Yoki Soppressione dello Yoki

Stato In Vita/Disertrice
Informazioni di alleanze
Città

Città natale di Cinzia

Affiliazioni

Sette fantasmi

Ex-Affiliaz.

Organizzazione

Prime apparizioni
Manga

Scena 50

Anime Scena 18
Epoca

Generazione di Claire
Generazione di Clarice

Giapponese Miho Miyagawa
Immagini di Cinzia

Cinzia era la Claymore numero 14 della generazione di Claire.

Fece la sua prima apparizione a Pieta durante la Guerra del Nord nel corso della quale partecipò attivamente nella squadra della numero 13 Veronica. Oltre a sopravvivere alla prima battaglia, riuscì a scamparsela anche nella seconda dopo l'arrivo di Riccardo e la morte di Veronica, fino ad arrivare all'ultimo scontro insieme a Miria, Claire, Deneve, Helen e Zelda.

Miracolosamente riuscì a sopravvivere proprio grazie al piano di Miria insieme ad altre sei guerriere con le quali formò il gruppo dei Sette fantasmi. Dopo aver passato sette lunghi anni al Nord ad allenarsi, si spostò insieme alle sue compagne verso sud alla ricerca di Raki e durante il viaggio curò prima il gruppo di caccia di Nina che era stato attaccato da un gruppo di risvegliati e in seguito le guerriere del gruppo di caccia di Audrey, precedentemente attaccate da Riful dell'Ovest.

Più tardi invece si ritrovò sempre insieme alle altre guerriere dei Sette fantasmi ad aiutare Clarice e Miata ma anche la disertrice Galatea nella città di Rabona, nella quale fece la sua apparizione l'ex numero 2 Agata dal sangue freddo. Insieme agli altri sei fantasmi distrusse le zampe della struttura di Agata per poi dare la possibilità a Claire di ucciderla. Curò Galatea dopo la perdita del braccio sinistro e dopo la successiva suddivisione del gruppo dei Sette fantasmi in piccoli sottogruppi, Cinzia e Yuma accompagnarono Claire alla ricerca di Raki. Nel frattempo le tre raggiunsero la città di Lacroix nella quale incontrarono un gruppo di guerriere e una risvegliata che avevano intenzione di uccidere dapprima di raggiungere la città.

EtimologiaModifica

Il nome Cinzia ha origini greche e significa "nativa di Cinto".

ApparenzaModifica

ClaymoreModifica

Cinzia aveva un viso più infantile rispetto alle altre guerriere e spesso venne mostrata sorridente. Aveva i capelli biondo chiaro con una frangetta davanti, mentre il resto dei capelli venivano divisi in due codini legati da dei lunghi nastri che coprivano parte dei capelli che cadevano in avanti sulle spalle. Aveva gli occhi d'argento e indossava la classica uniforme da guerriera.

Dopo sette anniModifica

Dopo sette anni Cinzia indossava lo stesso abito degli altri membri dei Sette fantasmi ma senza la gonna che avrebbe coperto gli slip. Indossava anche delle lunghe calze che raggiungevano metà delle cosce e che venivano bloccate da delle cinturine. In confronto alle altre guerriere del gruppo era colei che indossava meno abiti. Dopo la diserzione e i lunghi anni passati al Nord portava ancora la stessa pettinatura.

PersonalitàModifica

Cynthia che sorride.jpg

Cinzia era una guerriera estroversa, apparentemente allegra e impulsiva dato che, come fece notare sette anni dopo la guerra del Nord, preferiva portare a termine le sue idee. Questo lo dimostrò quando avvicinatasi insieme a Yuma e a Claire alla città di Lacroix, decise di raggiungerla nonostante fosse a consocenza della presenza di una risvegliata. Dopo sette anni Cinzia apparve ancora ottimista e sempre pronta ad aiutare le sue compagne e le altre guerriere con la sua abilità. Anche se si mostrava sempre allegra e con un sorriso, Cinzia nascondeva un lato poco conosciuto dalle altre guerriere rappresentato dalla sua mancanza di forza di volontà che la portò a chiedere a Yuma di poter essere assassinata prima che si risvegliasse completamente, senza considerare la possibilità di sopravvivenza. L'unica cosa che aveva permesso a Cinzia di andare avanti era la sua decisione di vendicare la sua cara amica Veronica.

AbilitàModifica

Tipo difensivoModifica

Sincronizzazione dello YokiModifica

Durante i sette anni passati tra le montagne di Alphonse Cinzia sviluppò la capacità della sincronizzazione dello Yoki, che le permetteva di sincronizzarsi con un'altra persona per agevolarla nella rigenerazione. Utilizzò tale capacità per aiutare le guerriere del gruppo di Nina, cifra singola compresa, dopo che furono trafitte da numerosi attacchi di alcuni risvegliati. Successivamente la utilizzò anche per aiutare Audrey e Rachel, attaccate precedentemente da Riful, e in seguito anche Galatea alla quale fece rigenerare il braccio sinistro perso nella battaglia contro Agata e Miata. Durante il disastro di Lautrec aiutò Yuma a rigenerarsi la gamba che in precedenza le fu tagliata da Claire per poterla salvare da Duff. Grazie alle sue dimostrazioni anche Yuma imparò a sincronizzarsi con lo Yoki altrui e venne aiutata dalla stessa per rigenerare tutti gli arti persi durante il [[[Il disastro di Lautrec|disastro di Lautrec]].

Soppressione dello YokiModifica

Dopo i setti anni passati al Nord, Cinzia come le altre disertrici, imparò a sopprimere pian piano e completamente il suo Yoki fino a rendersi impercettibile ai sensi delle altre guerriere. Mantenne però la capacità di attaccare e di leggere lo Yoki altrui.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Cinzia nacque e visse per breve tempo in una cittadina, diversa da quella delle sue compagne dei Sette fantasmi, della quale non rimase nient'altro che macerie dopo un presunto attacco da parte di un risvegliato. Perse entrambi i genitori e rimase sconosciuta l'esistenza di altri suoi parenti in città.

ClaymoreModifica

Guerra del NordModifica

Cinzia nella Guerra del Nord.jpg

Era una delle 24 guerriere inviate alla Guerra del Nord dopo la missione fallita della squadra di Eva. Faceva parte della squadra di Veronica, composta da Helen (numero 22), Pamela (numero 35) e Matilda (numero 41).

Prima battagliaModifica
Cinzia e Veronica prima di uccidere il risvegliato.jpg
Cinzia e Veronica prima di uccidere il risvegliato (1).jpg

Nella prima battaglia la squadra di Veronica, compresa Cinzia, andò in soccorso a quella di Jean, che era stata completamente sconfitta da un risvegliato. Cinzia entrò in azione dopo le altre. Il risvegliato però aveva troppe zampe, riuscendo di conseguenza a trafiggere sia Jean che la squadra di Veronica. Subito dopo, le guerriere organizzarono un piano, dove Helen, fu ancora una volta la prima ad attaccare, Cinzia e Veronica dovevano distrarlo da Jean che preparava la sua tecnica.Cinzia e Veronica riuscirono nel loro intento, dando sia a Helen che a Jean la possibilità di tagliare tutte le zampe, e infine furono di nuovo loro ad attaccare, ma per uccidere il risvegliato.

Cinzia e le altre raggiunsero le squadre di Flora e Undine, dopo aver terminato con il loro risvegliato, ma prima che Miria terminasse. Dopo la prima battaglia, fu vista insieme alla sua squadra dentro alla loro casa.

Riunione a PietaModifica
Veronica Cinzia Lily durante la riunione delle guerriere a Pieta.jpg

Sette anni dopo la Guerra del Nord, Cinzia apparve nel flashback di Claire durante l'ultima riunione a Pieta prima della seconda battaglia. Cinzia, che si trovava al fianco della sua collega Veronica, apprese in quel momento la strategia da seguire nella battaglia successiva dal piano di Miria che consisteva nell'assumere soltanto la metà di una pillola per la soppressione dello Yoki prima della seconda battaglia, così da poter permettere alle guerriere di inscenare la propria morte nel caso in cui avessero perso conoscenza durante lo scontro. Alle sopravvissute invece venne affidato il compito di seppellire le cadute e di nascondersi tra le montagne di Alphonse.
In conclusione, Flora alzò la propria spada e chiese a tutte le guerriere che sarebbero sopravvissute di prendere con se le anime di quelle che sarebbero decedute, e infine, tutte le Claymore compresa Cinzia incrociarono le spade nella speranza di una buona riuscita del piano.

Seconda battagliaModifica
La luce di Cinzia si spegne cap 61.jpg
Cinzia dopo l'ultima battaglia a Pieta.jpg

Durante la seconda battaglia Cinzia continuò a combattere al fianco della sua leader Veronica e di Helen. Nella versione animata dalla battaglia dovette assistere insieme al resto della squadra alla tragica fine di Pamela e in seguito venne mostrata combattere contro un risvegliato al quale vennero tagliate tre dita da Veronica. Nel manga invece affrontò insieme a Veronica e Helen il Risvegliato dai tre occhi e poi una risvegliata.

Nel frattempo Riccardo raggiunse Pieta e prese di mira tutte le capitane, partendo proprio da Veronica che aveva il rango più basso rispetto alle altre. Cinzia tentò di colpirlo subito dopo ma non fu abbastanza veloce da raggiungerlo. Dopo la morte di Riccardo la numero 14 apparve in un gruppo improvvisato per fronteggiare alcuni i risvegliati insieme a Helen e Zelda. Dopo la perdita di conoscenza di Yuma, anche la numero 14 fu sconfitta dai risvegliati senza poter assistere alla morte dell'ultima guerriera caduta nella Guerra del Nord nonché Zelda. Nonostante ciò sopravvisse anche all'ultima battaglia e insieme alle altre 6 sopravvissute seppellì i corpi delle guerriere cadute nella Guerra nel cosiddetto cimitero di Alphonse.

Cinzia e le altre 6 sopravvissute si nascosero come da programma nelle terre del nord e ci restarono per sette lunghissimi anni durante i quali la numero 14 sopprimette il proprio Yoki e apprese diverse abilità. La sua capacità di leggere lo Yoki crebbe di parecchio ma ciò a cui si era dedicata particolarmente era la sincronizzazione dello Yoki, attraverso la quale era in grado di curare le altre guerriere anche da gravi ferite.

DisertriceModifica

Dopo sette anniModifica

Cinzia fece nuovamente la sua comparsa sette anni dopo la Guerra del Nord in occasione del salvataggio di un gruppo di guerriere capitanate da Nina, insieme a Miria, Deneve, Helen e Tabitha. La ormai ex numero 14 collaborò curando le guerriere ferite ma quando Clarice riprese conoscenza non ebbe il tempo di spostare i corpi in una zona più distante. Infatti la numero 47 Clarice raggiunse ben presto il cimitero di Alphonse e dopo aver visto le spade delle cadute al Nord decise di contarle ma dato che la conta si fermava sempre 17 delle 24 guerriere che parteciparono alla guerra, decise di accertarsi dell'effettivo numero di spade per segnalare la questione all'Organizzazione.

Sette fantasmi cap 67.jpg

All'arrivo di Claire e Yuma, Miria decise di mettere alla prova l'ex numero 47 dato che quest'ultima aveva l'intenzione di spostarsi da sola per le terre dell'isola, ma Miria oltre a vincere con il suo Nuovo Miraggio le diede comunque la possibilità occuparsi delle sue questioni e decise di abdicare dal ruolo di leader dei Sette fantasmi. Miria infatti scelse di seguire Claire ma a sua volta anche le altre sopravvissute, compresa Cinzia, decisero di viaggiare con loro verso sud.

Verso sudModifica

Capitolo 72.jpg

Una volta oltrepassato il confine delle terre di Alphonse il viaggio venne quasi immediatamente interrotto dopo l'individuazione di uno Yoki particolarmente potente riconducibile all'abissale dell'Ovest. Cinzia non partecipò al salvataggio del gruppo di Audrey, la numero 3 dell'ultima generazione, ma contribuì a far sì che si perdessero le sue tracce e quelle delle altre guerriere scappando in una direzione diversa dalle altre, per sfuggire dall'ira di Riful. In seguito si ritrovarono in un posto più sicuro nel quale Cinzia fornì le sue cure alle guerriere ferite, tuttavia, Audrey si riprese prima che le disertrici se ne andassero e le vennero poste alcune domande. La prima riguardava Alisia ma anche se Audrey decise di non rispondere, Miria capì ugualmente la risposta. Claire cercò informazioni riguardo Galatea, e seppero in quel momento che l'ex numero 3 avesse disertato nel loro stesso periodo e che grazie alla sua incredibile abilità e all'assenza di Raffaella fosse riuscita a seminare i suoi inseguitori e a sopravvivere. In seguito i Sette fantasmi si incamminarono fino a raggiungere Rabona.

Combattimento contro Agata a RabonaModifica

La struttura di Agata distrutta dai sette fantasmi (2).jpg

Cinzia e le altre sei disertrici giunsero a Rabona proprio quando Galatea, Miata e Clarice si trovavano in una situazione molto critica a causa di Agata dal sangue freddo. Claire fu la prima a colpirla ad una delle otto gambe della struttura che la sorreggeva, mentre per le altre sette contribuirono tutti i sette fantasmi.

Yuma e Cinzia vs Agata.jpg

Agata fu così costretta ad abbandonare la sua piattaforma ma decise di combattere seriamente rinchiudendosi in un involucro di capelli nel quale essa era in costante movimento per non essere colpita mortalmente. Tabitha riuscì comunque a percepire la posizione esatta del suo corpo, indicando inizialmente il basso addome verso il quale fu Miria ad attaccare, poi la metà superiore del petto, a sinistra, per il quale ci provarono Cinzia e Yuma che furono respinte dall'attacco della risvegliata, ma a riuscirci fu Deneve. L'ultima parte indicata da Tabitha fu la metà sinistra, tra la spalla e l'ascella, a cui ci pensò Helen utilizzando la tecnica di Jean per la quale Agata ne uscì intera dopo aver abbandonato in tempo quella protezione, successivamente prese in ostaggio Galatea ma la precisione della Spada fulminea di Claire non diede scampo all'ex numero 2.

Dopo la battaglia Cinzia si occupò delle ferite di Galatea che al tempo stesso veniva adocchiata da Clarice che voleva portare a compimento la sua missione, però la disponibilità della disertrice e le certezze sulla sua malvagità crollarono e rimase sulla sua indecisione di come tornare all'Organizzazione dopo un fallimento del genere. Miria le consigliò di restare a Rabona perché con ogni probabilità sarebbe stata comunque giustiziata e di nascondersi in città per rimanere al sicuro, poi rivelò tutto ciò che sapeva sull'Organizzazione e il motivo per cui aveva l'intenzione di distruggerla definitivamente.

Dopo le rivelazioni, Cinzia e Miria entrarono nella chiesa per parlare con padre Vincent mentre le altre si trovavano in una taverna a bere. Una volta finita la conversazione, Miria si avvicinò al resto dei membri del gruppo e decise di lasciar andare Claire e le altre per far loro compiere le faccende che avevano lasciato in sospeso perché la grande battaglia contro l'Organizzazione era ormai alle porte. Il tutto si concluse con Miria che continuava a restare a Rabona insieme a Tabitha, Helen e Deneve che volevano dirigersi verso i loro villaggi natali a sud e con Claire che doveva essere accompagnata da Cinzia e Yuma ad ovest per trovare Raki.

Combattimento contro la risvegliata a LacroixModifica

Mappa.jpg

Durante il viaggio Cinzia ebbe modo di compensare la lettura dello Yoki di Claire per l'individuazione di possibili guerriere e risvegliati, tuttavia, quando raggiunsero le terre di Lautrec, Cinzia fece un disegno dell'isola e delle sue suddivisioni. Raccomandò Claire di non fuggire, dato che non sarebbe stata in grado di seminarla, le assicurò che sia lei che Yuma se ne sarebbero andate qualora fossero riuscite a trovare Raki. Quindi il loro viaggio di gruppo continuò fino a che scelsero di passare per la città più vicina nella quale percepivano lo Yoki di una risvegliata.

Risvegliata di Lacroix inseguita da Cinzia e Claire.jpg

In città trovarono un gruppo di guerriere che avevano usato il farmaco per lo Yoki, due uomini in nero e nella stessa piazza anche la risvegliata che fece quasi subito la sua mossa. Cinzia e Claire fermarono il suo attacco verso le guerriere, Yuma invece si occupò di far perdere loro conoscenza e battendo la numero 14 dell'ultima generazione si rese conto di quanto fosse migliorata dopo i sette anni al nord. Data la velocità nei movimenti di Cinzia e Claire, la risvegliata cercò di fuggire con le sue ali ma il suo volo venne stroncato dal lancio della spada di Yuma che consentì alle compagne di raggiungerla ed ucciderla nel più breve tempo possibile.
Tuttavia alle tre disertrici rimase la curiosità di sapere le intenzioni delle tre guerriere e dell'Organizzazione ma ad un certo punto fece la sua apparizione Rubel.

Capitolo 84.jpg

L'uomo in nero portò le tre guerriere in un luogo più discreto per poter parlare del passato della situazione attuale dell'Organizzazione. Claire lo presentò alle sue compagne come colui che le affidava gli incarichi dopodiché non fece altro che ascoltare ciò che aveva dire. Rubel spiegò in partenza che il gruppo di guerriere presenti era alla ricerca della numero sei Renee che era di fondamentale importanza per l'Organizzazione per via delle sue grandi capacità di percezione dello Yoki da lunghe distanze e che probabilmente fosse stata rapita da Riful. Infatti, il dubbio dell'Organizzazione era che Riful avesse probabilmente ottenuto un qualcosa che necessitava delle abilità di Renee per risvegliarsi e che non avrebbe impiegato molto tempo per utilizzarlo.

Le tre guerriere non capivano il perché un membro dell'Organizzazione fornisse loro delle informazioni così importanti e non sapevano neanche che cosa si aspettasse da loro dopo averle ricevute, quindi Claire dedusse che fosse stato lui ad informare Miria precedentemente e di averla così manovrata al fine di combattere contro l'Organizzazione. Cinzia dedusse che fosse una spia della fazione opposto all'Organizzazione, gli alleati dei dragoni, mentre Yuma considerò l'idea di collaborare ma venne subito bloccata da Claire che esplicò la pericolosità di Rubel e dei suoi alleati in quanto avevano già tentato di eliminare le figure scomode attraverso la Guerra del Nord. La figura dei semi risvegliati era infatti altamente temuta dagli alleati dei dragoni dato che risultavano essere l'obiettivo dell'Organizzazione, inoltre Rubel impedì che la segnalazione di Ofelia riguardo il possibile semi risveglio di Miria venisse ascoltata ai vertici dell'Organizzazione. Nonostante la possibile intromissione degli alleati dei dragoni, l'Organizzazione non avrebbe mai cessato di esistere e si sarebbe semplicemente spostata in un luogo ancora più inaccessibile e remoto, ma sarebbe avvenuto il contrario se invece fosse stata una ribellione a sancire la fine dei loro esperimenti.

Alla fine Rubel si allontanò dicendo alle guerriere di fare ciò che volevano dato che non era interessato a ciò che facevano, mentre loro tre decisero di proseguire verso ovest come avevano inizialmente stabilito.

Un incontro inaspettatoModifica

Durante il viaggio insieme a Claire e Yuma, le tre guerriere furono costrette a nascondersi da Duff che al tempo stesso riuscì a raggiungere Yuma e a bloccarla nella sua mano. Inutili gli interventi di Claire e Cinzia per cercare di salvarla dato che i loro attacchi non erano abbastanza potenti, Claire prese la decisione di amputarle la gamba per poter fuggire e in seguito Cinzia si prese cura di lei attraverso la sincronizzazione dello Yoki. Tuttavia necessitava del tempo per farle rigenerare tutta la gamba e così informò Claire del tempo di cui aveva bisogno ma la numero 47 decise di approfittarne per seguire Duff e arrivare al covo di Riful, per poter raggiungere Raffaella.

Il disastro di LautrecModifica

Cinzia e Yuma che percepiscono la potenza del distruttore cap 93.png
Yuma e Cinzia mentre si fermano dopo aver percepito lo yoki di Beth cap 96.png
Cinzia e Yuma che trovano Beth trafitta da un'adta parassitaria cap 96.png
Sincronizzazione dello yoki usata da Yuma.jpg

Cinzia era ancora impegnata con la sincronizzazione per curare Yuma quando i corpi fusi di Luisella e Raffaella si risvegliarono emanando un immensa quantità di Yoki e nel mezzo veniva percepito anche quello di Claire. Per accelerare la guarigione anche Yuma dovette rilasciare il proprio Yoki e così entrambe furono percepite e raggiunte da Helen e Deneve. La ferita all'occhio di Helen venne curata in quello stesso momento dalla numero 14 così da poterle permettere di raggiungere Claire insieme a Deneve senza ulteriori ostacoli.

Tuttavia la nuova risvegliata soprannominata Distruttore generò delle aste di grandi dimensioni che poco dopo scagliò per tutta l'area circostante costringendo tutte le presenti a schivarle per evitare di essere colpite. Cinzia , ormai provata per l'eccessivo uso della Sincronizzazione dello Yoki, venne tratta in salvo da Yuma che cercò di portarla via in braccio nel disperato tentativo di salvare la pelle. Ad un certo punto Cinzia percepì uno Yoki molto debole di una guerriera e con Yuma la raggiunse.
La claymore in questione era Beth, per loro una sconosciuta, ma nonostante le buone intenzioni dell'ex numero 40, Cinzia le consigliò di non avvicinarsi dato che era ormai inutile soccorrerla. In seguito furono costrette a fuggire anche da Beth dopo il suo risveglio.

Le condizioni di salute di Cinzia si aggravarono notevolmente a causa della sua intenzione di sacrificarsi per far mettere in salvo Yuma, e dopo aver perso tutti gli arti e parte degli organi interni, il risveglio era l'ultima strada che si aspettava di intraprendere. In quel momento decise di confidare alla compagna il suo grande dolore che l'attanagliava sin dai tempi della Guerra del Nord per la perdita di Veronica. Nonostante i consigli di Cinzia di fuggire il più presto possibile, Yuma prese in mano la situazione e attraverso la Sincronizzazione dello Yoki, che aveva appreso proprio osservando Cinzia, riportò in salute l'ex numero 14 e poi cercò di intrattenere i mostri creati dalle aste parassitarie fino a che lo Yoki di Cinzia si fosse diffuso in tutto il suo corpo dandole la possibilità di muoversi. Una volta trovatasi alle spalle al muro fu salvata da Dietrich che aveva attirato l'attenzione dei divoratori di Abissali.

Successivamente Cinzia e Yuma videro da sopra la montagna la foresta che veniva inghiottita da un'enorme massa di Yoki che si dirigeva verso il suo centro, nel quale Cinzia percepì lo Yoki di Deneve, Helen e Claire. Le due disertrici furono raggiunte da Dietrich che dopo il combattimento precedente era in un pessimo stato fisico, eppure scelse di rischiare la propria vita per aiutare Deneve ed Helen per saldare il suo debito. Invece la ex numero 22 portandosi appresso Deneve riuscì a raggiungere la montagna grazie a delle coincidenza fortunate. Cinzia, Yuma e Dietrich le raggiunsero e le portarono in salvo, tuttavia, Cinzia continuava a percepire lo Yoki di Claire all'interno della massa di Yoki, e come precisò Deneve subito dopo, Claire decise di diventare parte del Distruttore per salvare le sue compagne e attuare la sua vendetta.

L'attacco dei risvegliati a RabonaModifica

Dopo il disastro avvenuto nelle terre di Lautrec, Cinzia si precipitò a Rabona insieme a Deneve, Helen, Yuma e Dietrich ma si ritrovò la città attaccata da un gruppo di Yoma e da un gruppo di risvegliati. A combatterli vi erano già le guardie di Rabona, Miata, Clarice, Galatea e Tabitha ma con l'aiuto delle compagne provenienti da Lautrec ebbero definitivamente la meglio. Dopo la battaglia constatarono che fortunatamente non vi era nessuna vittima e le guerriere appena arrivate vennero a conoscenza delle azioni compiute da Miria, di come avesse ferito Tabitha per potersi dirigere e attaccare l'Organizzazione e di come l'attacco dei risvegliati potesse essere il risultato del suo fallimento.

Helen e Cinzia mentre intervengono durante lo scontro tra Deneve e Tabitha - Cap 109.jpg

In seguito le guerriere provenienti da ovest mostrarono il bozzolo generato dal Distruttore contenente i corpi di Claire e Priscilla trasportato da loro stesse dandosi il cambio durante il viaggio. Galatea ebbe difficoltà nel distinguere i vari Yoki ma venne bruscamente interrotta dalla lite tra Tabitha e Deneve che si stavano affrontando a causa delle intenzioni dell'ex numero 31 di vendicare Miria. Dopo l'intervento di Cinzia e l'apparente finestra di dialogo che si era aperta, decisero all'unanimità di dirigersi verso l'Organizzazione, con la certezza di lasciare al sicuro Rabona nelle mani di Galatea, Miata e Clarice.

Verso l'OrganizzazioneModifica

Lungo la strada verso l'Organizzazione le guerriere decisero di percorrere il sentiero a nord per evitare di incontrare delle guerriere, ma scelsero di aiutare un gruppo di quattro claymore attaccato da un branco di risvegliati. Le disertrici intervenirono senza preavviso e molto rapidamente, mentre Cinzia e Yuma soccorrevano Phina e Keira, Tabitha, Deneve e Helen aiutate da Dietrich si occuparono di uccidere i risvegliati per colpa dei quali Anastasia e Nike decisero di sacrificarsi per salvare le due compagne di rango inferiore.

Phina mentre viene curata da Cinzia in presenza di Keira e Yuma.jpg

Una volta sconfitti tutti i nemici mentre Cinzia era occupata a curare Phina, Yuma ebbe la possibilità di rendersi utile uccidendo un risvegliato completamente da sola per la soddisfazione delle compagne nel vederla indipendente. In seguito si riunirono e grazie alle intuizioni Deneve venne scoperto un laboratorio dove si supponeva che l'Organizzazione continuasse a produrre risvegliati maschi. A quel punto Tabitha propose alle compagne di distruggere il laboratorio e i risvegliati al suo interno prima di raggiungere l'Organizzazione in modo da eliminare ogni traccia dell'Organizzazione sull'isola.

Ribellione delle guerriereModifica

Arrivarono al quartier generale dell'Organizzazione per bloccare Miria dal superare il suo limite di Yoki, Yuma si occupa di guarire le sue ferite mentre Cinzia trattiene e blocca lo Yoki fuori controllo, le altre attaccon Hysteria riuscendo a salvare le guerriere che aveva catturato e tagliandole le ali ma invece di essere più lenta e vulnerabile agli attacchi diventa ancora più veloce e mette fuori gioco varie guerriere, Cinzia e Yuma avendo finito con Miria si precipitano dalle guerriere colpite sopratutto Nike e Dietrich ferite in modo grave e le cose peggiorano ancora di più quando anche Anastasia viene catturata da Hysteria, ma grazie al coraggio di Nike, ancora ferita, viene salvata e Miria intercetta l'abissale iniziando a portarla nel bel mezzo della lotta tra Cassandra e Roxanne.

Hysteria però aumenta la sua velocità liberandosi di parte del corpo e facendo crescere un paio di nuove ali che non limitano la sua velocità anche in cielo Miria inzia a subire colpi ma continua a portala nel bel mezzo della battaglia fra le abissali mentre le altre compresa Cinzia la più abile di loro a manipolare lo Yoki infondono in un unico capello di Anastasia il loro Yoki per permettere a Miria di superare almeno per pochi secondi la velocità di Hysteria, la trappola scatta non appena sono proprio tra Cassandra e Roxanne, Miria va così veloce che è impossibile per Hysteria raggiungerla e viene ferita mortalmente dal fuoco incrociato ma quando Miria si avvicina per il colpo di grazia, l'mmagine di Priscilla appare, svanisce dopo essere stata colpita, Cassandra dopo aver ucciso Roxanne si allontana senza combattere le guerriere, Cinzia e Yuma si occupano di curare le guerriere ferite mentre Helen, Deneve e Miria esplorano il quartier generale alla ricerca di qualcuno, ne escono poco dopo con la testa di Rimuto, Cinzia si uscisce alle altre sulla strada verso Rabona per liberare Claire e sconfiggere Priscilla dopo aver finito tutte le cure sulle guerriere ferite.

Ritorno a RabonaModifica

Il gruppo arrivò nei pressi di Rabona con largo anticipo rispetto all'abissale grazie alla nave dell'Organizzazione trovando però una situazione critica: la città era stata evacuata, rimanevano soltanto Galatea, Clarice, Miata ed un manipolo di soldati fuori invece molti risvegliati, tutti ex cifre singole, che sono lì solamente per vedere lo scontro con l'essere che supera perfino gli abissali, dubbiosi sulla veridicità di queste parole Miria decide di lasciar perdere e andare a Rabona, dove Galatea subito informa le guerriere che ha ordinato lei l'evacuazione della città e tutti i presenti sono volontari pronti a morire se necessario ma cosa ancora più preoccupante Priscilla è già fuori per metà dal bozzolo in cui è intrappolata con Claire, Miria data la gravità della situazione decide di informare tutti della situazione creatasi durante la ribellione delle guerriere ma nonostante cio nessuno ha intenzione di abbandonare la città.

Il giorno dopo vestite nuovamente con l'uniforme da Claymore recuperate a Pieta e avvertendo un aumento della velocità di Cassandra decidono di salvare Claire anche se ormai neanche Galatea è in grado più di avvertire il suo Yoki, però Raki vuole comunque provare e avvicinandosi inzia a parlare e incredibilmente Claire esce dal bozzolo però senza la sutura crata quando divenne una Claymore e sono costretti a risuturarla al momento, Raki senza esitazione la abbraccia.

Priscilla invece dopo essere stata liberata si dirige verso il gruppo di risvegliati fuori Rabona ed inizia ad attaccarli, in questo momento è in atto una lotta interna tra Priscilla e ciò che rimande del Distruttore per il controllo di quel corpo, le guerriere osservano da lontano lo svolgersi degli eventi e una volta che anche Claire ha indossato l'uniforme da Claymore giurano nuovamente di sopravvivere all'ultimo incarico rimastole: uccidere Priscilla.

Combattimento contro le risvegliate a RabonaModifica

2° Risvegliata a Rabona morte.jpg

Durante gli scontri con Priscilla fuori dalle mura di Rabona, due risvegliate furono catapultate all'interno della città e per necessità furono costrette a risvegliarsi. La prima risvegliata a mettersi in gioco mise in pericolo la vita di alcuni soldati e venne subito affrontata da Miata e Clarice che in seguito furono portate in salvo proprio da Cinzia e Yuma. Anche Deneve ed Helen affrontarono la medesima risvegliata e grazie all'intervento di Galatea e la Spada perforante dell'ex numero 22 venne messa k.o. in un unico colpo. L'altra risvegliata invece venne affrontata e uccisa da Claire e Miria con il supporto di Tabitha per individuare il corpo originale dalle numerose copie.

Dopo l'uccisione di entrambe le risvegliate i Sette fantasmi interruppero la conversazione tra Raki con Chronos e Lars per accertarsi delle loro intenzioni e quando hanno saputo che erano li solo per parlare Miria tentò di provocarli per portali entrambi dalla loro parte per poi rivelargli il suo piano:fermare Cassandra e con il loro aiuto far emergere la sua coscienza per poterla poi scagliare contro Priscilla, aumentando considerevolmente le loro speranze di vittoria. I due risvegliati non si sbilanciarono e dissero che avrebbero avvertito le altre risvegliate dalla notizia e in base alle loro intenzioni si sarebbero mossi di conseguenza. Dopo che gli ultimi risvegliati maschi se ne andarono, Miria iniziò a rendere noti i suoi piani alle sue compagne e l'identità dell'ultima abissale rimasta, Cassandra la mangiapolvere e in seguito si diressero verso l'abissale per intercettarla secondo i piani appena stabiliti.

Combattimento contro CassandraModifica

Raggiungendo Cassandra la guerriere tentano subito di fermarla e Claire riesce perfino a colpire molto vicino il suo vero corpo ma dopo un attimo di esitazione Cassandra decide di continuare per la sua strada rendendo ancora più difficile il compito di Cinzia, Yuma e Tabitha di far uscire la sua coscienza e più preoccupante si avverte anche un enorme Yoki molto simile a quello di Riful che è apparso vicino a Priscilla, ma non hanno il tempo per capirne di più in quanto già molto in difficoltà nello scontro contro Cassandra, improvvisamente però appaiono le sette risvegliate sopravvissute al precendente attacco di Priscilla per dare una mano.

Le risvegliate inziano subito a sferrarre potenti attacchi contro Cassandra riuscendo a farmarla e dando l'opportunità a Cinzia, Yuma e Tabitha di iniziare a far emergere la coscienza di Cassandra ma si trovano ancora una volta in difficoltà in quanto anche se non si dirige più verso Priscilla la sua coscienza stenta ad emergere e Yuma la più inesperta inizia da avvertire la fatica e ancora peggio il corpo di Cassandra inizia sempre di più ad assomigliare a quello di Priscilla ed improvvisamente scaglia un potente attacco che decima le risvegliate, le guerriere si salvano grazie all'avertimento preventivo di Miria.

Le risvegliate invece non sono così fortunate da sette ne sono sorpavvisutre solamente tre e con Chronos e Lars che si uniscono alla battaglia il numero di risvegliati sale a cinque ma grazie al loro aiuto Claire riesce al liberarsi del corpo di Priscilla facendo riaffiorare la coscienza di Cassandra ma incredibilmente le cose peggiorano perchè Cassandra è diventata ancora più veloce e forte senza il controllo di Priscilla tanto che Europa abbandona la battaglia dirigendosi verso Rabona e Lars e una risvegliata vengono uccisi, decino quindi di continuare a seguire il piano originale e portare Cassandra da Priscilla per far scontrare le due.

L'ultima battagliaModifica

Arrivando dove si trova Priscilla però trovano Raki che combatte contro di lei e viene ferito in modo grave Claire subito si scaglia sulla nemica di sempre ma poi va a soccorrere Raki mentre le le compagne cercano di affrontare Priscilla ora che non usa tutta la sua forza, ma anche in questo modo non riescono nemmeno a sfiorarla e anche quando si unisce Claire le cose non cambiano molto non riescono a colpirla nemmeno con gli attacchi più potenti sembrano inutili la situazione sembra bloccata in questo stallo finche non arrivano Octavia, Chronos e Cassandra e concetrano i loro attacchi su Priscilla e finalmente il primo colpo va a segno Yuma riesce a colpirla lanciando la sua spada anche i successivi colpi iniziano ad andare a segno ma ha recuparato gran parte delle sue energie ormai e gli attacchi sono neutralizzati dalla sua incredinile rigenerazione anche la sua velocità è aumentata ritrovandosi nuovamente in una nuova situazione di stallo ma Miria attua il suo piano, cercando di distrarre Priscilla per poter permettere a Tabitha di attaccarla in sicurezza dato che in tutto questo tempo lei non ha mai rilasciato lo Yoki ma Priscilla aveva previsto anche quell'attacco e Tabitha viene fatta a pezzi Cinzia, Yuma e Miria si prodigano a salvarle la vita radunando le parti del corpo tagliate in un disperato tentativo di salrvarle la vita, Claire, Helen e Deneve nel mentre attaccano Priscilla ma sia Helen che Deneve restano ferite e Claire in preda alla rabbia la attacca ed improvvisamente Raki trafigge Priscilla distraendola per quell'istante necessario alla Spada fulminea di Claire di colpire senza essere bloccata facendo a pezzi Priscilla, Tabitha nel frattempo ha ripreso coscienza e ha avvertito le altre che lo Yoki di Priscilla è ancora percepibile Claire va a cercarla, Cinzia su richesta di Tabitha invece di curare il corpo si concentra sul braccio, entrambe sono conscie che la sua fine è vicina, una volta curata Tabitha dice addio a Miria ma non c'è tempo di riposarsi Claire viene scagliata in aria senza un braccio da Priscilla che ha ormai assorbito Cassandra e poco tempo dopo anche Octavia, nel frattempo recuperato il braccio di Claire Cinzia tenta di riattaccarlgielo ma si accorge che è ormai al limite e le raccomanda di allontanarsi mentre loro combattono, Chronos viene assorbito poco dopo, Claire decide di combattere nuovamente ma è al limite e Raki corre in suo aiuto salvandole la vita ma diviene subito obiettivo dei risvegliati affamati, Claire dando fondo alle proprie energie per salvare Raki supera il limite ma appare un altra figura con i capelli biondi al suo posto.

Le guerriere sono tutte confuse dal nuovo Yoki appena apparso, è simile a quello di Claire ma non è lo stesso le guerriere però continuano a combattere senza interruzione finchè Priscilla non si accorge della nuova venuta e subito concetra tutte le sue forze su di lei ma incredibilmente la guerriera bionda inizia a spronare Cassandra affinche si ribellasse al controllo di Priscilla invitandola a duellare con lei e incredibilmente funzionò e le due iniziarono a combattere, le parole della guerriera suscitarono la reazione anche di Chronos e Octavia che si ribellano contro Priscilla ma vengono uccisi poco dopo dalla stessa Priscilla, nel frattempo anche il combattimento contro Cassandra ha fine e la stessa Cassandra ha la peggio, nel frattempo Miria riconosce finalmente la guerriera bionda è Teresa del Sorriso la più forte numero uno di sempre.

Teresa vedendo Priscilla in difficoltà decide di non continuare il combattimento invece si avvicina alle guerriere ad inizia a parlare con loro chiede a Raki che relazione ci sia tra lui Priscilla e Easley, Raki le racconta tutti gli avvenimenti della guerra del nord e gli anni successivi cofessando a Teresa che in realtà Priscilla si maledice e vuole morire, Teresa prima di tornare a combattere confessa quello che pensa Claire di ognuna di loro poi torna a combattere e più Priscilla viene ferita più inizia a perdere il controllo della rigenerazione, al posto di un braccio ne escono due e la fisionomia degli arti inizia a non essere più la stessa, le guerriere non credono ai loro occhi vendendo una battaglia così straordinaria persino le guerriere che si trovavano a Rabona sono giunte fin qui per osservare il combattimento, almeno quelle pronte a rischiare anche la vita, nel frattempo il combattimento tra le due rivali di sempre continua e Priscilla perde sempre di più il controllo della rigenerazione tanto che inizia a rigenerare arti e parti del corpo a caso quando viene ferita e pesino un colpo diretto alla testa non è in grado di fermarla e diventa sempre più grande tanto che Teresa è costretta a usare un enorme quantità di Yoki per risvelgiarsi per tenerle testa.

Teresa usa la sua nuova forza per continuare a ferire e fare a pezzi Priscilla che continua a sua volta a rigenerarsi sempre più grande finche alla fine non appare la coscienza umana di Priscilla che supplica Teresa di fermarla, Teresa senza rancore esaudisce il suo desiderio, il campo di battaglia fiorisce.

Claire dice addio a Teresa e torna alla normalità le compagne si congratulano tutte con Claire poi Raki e Claire si mettono in cammino per la loro strada verso una vecchia amica di Claire, Helen e Deneve possono finalmente tornare nelle loro città natali, Miria dopo l'ultimo saluto alla tomba di Tabitha parte con le guerriere dell'ultima generazione ad uccidere tutti i rimanenti Yoma e risvegliati, Cinzia e Yuma restano a Rabona per addestrare le guardie.

RelazioniModifica

VeronicaModifica

  • Le due condividevano una grande amicizia e un solo numero di differenza. Subito dopo la morte di Veronica, Cinzia cercò di uccidere Riccardo ma senza successo, inoltre, rimpianse il fatto di non aver ricoperto il ruolo di leader all'epoca. Sette anni dopo la morte di Veronica fu considerata da Cinzia motivo di vendetta e l'unica ragione per continuare a vivere era il suo desiderio di distruggere l'Organizzazione.

MiriaModifica

  • Apparentemente Cinzia eseguiva fedelmente tutti gli ordini impartiti da Miria ma quando ebbe la possibilità di fare ciò che voleva, come ad esempio durante il viaggio con Claire e Yuma, non ci penso due volte a trasgredirli raggiungendo una città nella si trovava una risvegliata.

ClaireModifica

  • Durante la guerra del nord le due non legarono affatto, anzi, probabilmente non avevano legato fino al momento in cui furono costrette a stare insieme da Miria. In quel momento Cinzia aveva il compito di frenare il comportamento impulsivo di Claire durante la ricerca di Raki a qualunque costo, ma ad un certo punto Claire si accorse che anche Cinzia possedeva un carattere impulsivo quando quest'ultima decise di raggiungere la città di Lacroix per uccidere una risvegliata. Così Claire realizzò perché l'Organizzazione l'avesse indicata come una ragazza problematica.

YumaModifica

  • Cinzia e Yuma erano delle semplici compagne durante la guerra del Nord ma in seguito divennero amiche. Durante i sette anni trascorsi al nord Cinzia allenò la sua capacità di sincronizzarsi con lo Yoki altrui con l'intenzione di aiutare le compagne a rigenerarsi. Quando però Cinzia ebbe bisogno di soccorso, non vi era nessuno in grado di aiutarla se non Yuma, che sentendola dire che non possedeva forza di volontà, la ex numero 40 imparò ad allineare e a manipolare lo Yoki per aiutare Cinzia a rigenerarsi le ferite. Da allora il loro legame diventò sempre più stretto.

Vedi ancheModifica

Doppiatori del personaggio nell'anime di Claymore
Collegamenti con la Guerra del Nord
I risvegliati di Easley (clicca le immagini per visualizzare le pagine)
Avvenimenti
Squadra antecedente alla Guerra del Nord
Gruppo dei sette fantasmi
Personaggi che hanno partecipato alla ribellione delle guerriere
Forze dell'Organizzazione
Altri collegamenti
Apparizioni Anime
Apparizioni Manga

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso